L'acqua di Luserna ....rotola giù per le montagne ...sembra danzare...un nastro d'argento

Lembi di storia di provincia trasmessi a futura memoria

 

  "L'EVA'DLUSERNA"

 

Dal funtanot 'd Rumela, a le sorsis del Friuland e su en ti ciaple' L'èva 'd luserna a cuminsa a calè . En drinta al so torent con le fontan-e 'd complement; en nastro d' argent.

 

Chila a corr, tra le pere,le viole,le fogere ,suta le stele

 

Come se a feisu tute sorele.

 

Prima genà, come en masnà ai primi pass

 

Poi a pres, saut per saut, parej d'en fiolas.

 

Forta, ciaira, genuin-a galavrin-a

 

Lung la strà as fà pi bela e pi fin-a

 

Per intrè en tei pays, con le parente : le sorsis

 

Seve el perché e a scapis

 

E1 motiv a jè :

 

per fese embotiè.

 

Ariva con le fontan-e pi da stimè ,second i casè L'èva die meire, del ciel, e di giasè L'èva che bagna le piante e i brussè L' èva che rinfresca i camp da semnè L'èva che giuta a digerì' disnè L'èva di padron e di masuè

 

Se et las 1' ocasion 'd podela tastò Come la beve la vas a catè

 

Da le sorsis, vendua come l'è veiu che La qualità as fa pa critichè

 

*

 

En bicer a la seira, e l'aut a mesdi' a mangè! Ale vè La tua salute sa conservò.

 

ANGIOLINO  DEZZÀNI 06/10/2010

 

La Storia del Ritornel

 

LA STORIA DEL RITORNÉL

 

Cichin Alasia a fasija el ciavatin ma per buté ansema sina con disné a s'adatava é'dcò a fé el soché

 

Un bel di a l'ha notà che, nn tei bialòt licjatfsin ai rivava n'eva *éd sorgent, eh'a scori ja bin an mes a le pere, di' spalòt del pont a ranisìja da 'ntla cròta 'd madama Raimond

 

Pia un moi'ion ,faie'na canaletta  perché la gent a pudèisa bevi a sta sorgent, da' st'evadel color dl'argén

 

Porta la tàbia en tei bialòt,butà quat pére per travers l'èva corenta del bial,sensa bagnesse ij pé envità ij visìn a 'énventé un nom per ricordé con 'n poch d' fantasima chésta èva legéra da pà desmentié

 

A l'ha ciamàla èl ritornél,con'na rima da barivéì chi a bèiv l'èva del ritonél pi na bèiv pi a diventa bel Quandi l'han inaugurala, i ciat a ierq quat a l'era el dés d'agost del trantequat

 

Da éntlora i iiibianèis a l'han tacà a fé la eoa portand edcò. bate.torachìn bicér là an sia braa per beivi l'èva dèl ritornél che pi na beive e pi divente bel

 

Cichln Alasia ,subiand con la pòrta sbaracà cusìja le scarpe, tirSp,d la tra a controlava la gent eh'a calava an tei biàl, giù dal sapél per bévi l'èva legéra e fresca dia fontana del ritornél

 

A giuìja tut godu^uriand content d'avèij fait chèi còs per la soa gent Adess el ritornél a i-é pa pi 'ma i liibianèis a lo ricordo sempe Td pi A saran llber dij pecà 'sti véij sempe masnà ?

 

Angiolino

 

 

 

articolo di giornale

 

La storia del "Ritornél" di Bibian-a "


 


 


Questa poesia In dialetto piemontese come è parlato a Bibiana è da intendersi come un elogio di una fa­mosa fontana del paese, ora scomparsa, chiamata Ritor­nello.

 

La fonte era sistemata sulla sponda destra del rio che attraversa Bibiana. Era una sorgente di grande pre­gio. La vecchia fotografia risale all'anno 1934, quan­do appunto la fontanella fu inaugurata. Al centro il cia­battino Francesco Alasia che allora scoprì la sorgen­te e si diede da fare. Al centro, in braccio alla non­na, un bimbo di pochi anni che è l'autore di questa poesia.

 

Cichin Alasia a fasìja èl ciavatìn

 

ma per buté ansema sin-a con disné

 

a s'aciatava édcò a fé él soché.

 

Un bel dì, a l'ha nota che. ari tei bialòt lì visiti

 

a-i rlvava n'evaéd sorgerli, ch'a scorija bìn

 

an nies a le pére, di' spa- lòt del pont

 

a mnisìjs da 'ntla créta d madama Raimond.

 

PIA un morion, faie 'na ca- nalétta, perché la gent

 

Nel 1934 attorno al Ritornello a Bibiana

 

Porta la tàbia èn tei bia­lòt, butà qat pére per tra- versé

l'èva coreuta del bial, sen- sa bagnesse ij pé

envità ij visìn a ériventé un nom per ricordé

coti 'n poch d' faritaslja chésta èva legéra da pà des- tnentié.

A l'ha clamala èl ritornél, con 'na rima da barivél

chi a béiv l'èva del ritonél pi na beiv pi a diventa bel.

Quandi l'han inaugurala, i ciat a iero quat

a l'era él dés d'agost del trantequàt.

Da éntlora i bibianeìs a l'han tacà a fé la eoa

portand édeò, bute, tàse e bicér là an sia brua

per beivi l'èva del ritornél che pi na béive e pi diven­to bel.

Cichìn Alasia. subiand con la pòrta sbaracà

cuslja le scarpe, tirand la tra

a controlava la gent ch'a calava an tei biàl, giù dal sapél

per bévi l'èva legéra e fré-

 

Adess él ritornél a ié pa

pi

ma i bibianéis sa lo ricor­do sempe 'd pi

A saran lìber dij pecà sti véij sempe masnà?

Angiolino

 

sca dia fontana del ritornél.

A giuìja tut godìi, suriand content

d'avèij fait chèicòs per la soa gent

 

Note - Nel dialetto bibiane se: beivi: bév; bibianéis: bu-

bìanés; efièi còs: quai còsa / clìài còsa; quandi: cani; qua-

tr: quat, d'alora: da éntlora

 

"L'Eco del Chisone" Giovedì 29 aprile 1999

 

a pudèisa bevi a sta sor- gent, da st'eva del color dl'argent.

 

I Rottami del passato ( si avverte la dolcezza dei ricordi e il calore dell'uomo di un tempo ci pervade )

 


"Ij rotam dèi temp passa "

 

Piat e ramin-e stuve e canon bicer vej, let ésfondà tavlin da neuit un pò sbironà as cata e as vend tute le còse ch'a son dovrà ant ésti banchèt a-i é Focasion ed trové cheicòs ch'at piasa dabon (an tuta Europa as na parla 'dcò già) Mach a Bibian-a e tuti a lo san él gròss mércà dij rabadan.

 


 

 

Rime leggere come l'arietta di San Bernardo

 

L'Arietta ed San Bernard ed Ribian-a

 

Se ‘t sete s'la pera gorga, et ause le sguard,

 

veje la Cesa ed San Bernard\

 

Lè da lì ch’a ai veti n 'arietta, niente mal; fresca, soagnà, cotia, e pà druva.

 

dal prim ed maj, al temp ed l'uva.

 

A riva dal cumbal tacà la ca ‘d Barai

 

A munta sel truch;

 

a gira ‘dcò ‘n tla curt ‘d Muncuch

 

Pòi as campa ‘n tei cianal ‘n sema al bial

 

Legera, fresca, natural, ‘n stima! (ai passa): "Nana ‘d rassa”

 

Chila a 't carèssa, a 't strens, a ‘st sciassa, a ‘t embrassa e as na va;

 

(Isagrin san desmentià).

 

La calura bassa l’astin-a; cume feisa na meisin-a.

 

Tuti i paiss, a l'an l’an l’anvia ‘t chesta aria foravia.

 

Se ‘t ses piate 'na sbandà, se ‘t las ‘n dulur ‘nsa, e, ‘d 'là

 

Chila a ‘t caressa, a 't strens, a 't sciassa, a 6t embrassa;

 

(La salute lè scuntà ).

 

Ai na riva n 'auta undà

 

A l’ura tarda, el cheur se slarga sla pera Garga.

 

Giuv e Vej 't  nans a l'ala, ausè le sguard vers San Bernard.

 

Pien-e pura ‘na bucà 't chesta arietta ‘t còlin-a.

 

<> Rarità>

 

Ch’a porta l'ora vesperin-a.

 

 

10 giugno 2009----Angiolino

 

Una preghiera ( breve e intensa )

 

 


 

 

NOSGNOR

 

L'é bel parlè con ti, sensa dì gnente, anche se i stago ciuto sai che t'ém sente le tante còse che l'avrìa da dì lo sai che t'jé conòsse mej che mi ti 't sas che ant j'ore grame i l'hai pregate e ant ij moment ed goi l'hai dismentiate, de 'dnans a ti l'hai niente da stérmè, un pr'un it je conòsse ij mè pensè. Ti t'je conòsse tute mie mancanse, mej seugn, e mie miserie, e mie speranse ti 't sas él mè passà e 'd cò '1 mè amnì Nosgnor mi i sai mach dite: "sta con mi!"

 

Un grande amore per gli animali...storie del passato...annunci nel paese listati a lutto

 

DEDICATA AGLI ASSASSINI DEGLI ANIMALI

 

 

 

Noi siamo i killer siamo veloci noi siamo i killer di sera feroci

 

Agli animali (randagi o non nostri) mettiamo le croci

 

In verità

 

ce ne freghiamo delle Autorità

 

Carne bovina con il veleno (forse stricnina) in una ciotola,sia alla sera che nella mattina

 

Questi gattacci abbandonati questi malnati ben affamati loro si abbuffano tutti costì loro si saziano per tutto il dì

 

Bava alla bocca,occhi sbarrati fauci tremanti lunghi e distesi son sistemati dura tre notti e tre dì un'agonia così

 

 

 

E quelli rimasti,sol per fuggire

 

sotto il portico vanno a dormire

 

 

 

 

 

Noi li picchiamo,noi li spranghiamo senza pietà

 

 

 

schiene rotte e crani sfondati li facciamo pentire di essere nati

 

In verità

 

ce ne freghiamo delle Autorità

 

Ci vuol del coraggio qualcun penserà ma certamente questo si sà ci vuole il coraggio della viltà.

 

(Oreste Dezzani)

 

Un intermezzo : La storia di chiunque

 

Questa è la storia che parla di quattro persone che si chiamavano:

 

Ognuno, Qualcuno, Chiunque e Nessuno

 

■ '*Vt

 

C’era un lavoro importante da fare ed Ognuno era sicuro che Qualcuno l'avrebbe fatto.

 

Chiunque avrebbe potuto farlo, ma Nessuno lo fece.

 

Qualcuno andò in collera per questo, perché era il lavoro di Ognuno.

 

 

 

Ognuno pensò che Chiunque avrebbe potuto farlo, ma Nessuno realizzò che Ognuno non lo avrebbe fatto.

 

Finì che Ognuno biasimò Qualcuno quando

 

Nessuno fece quello che Chiunque avrebbe potuto fare.

 

angiolino

 

Bibiana, Luglio 2002

 

una vecchia conoscenza : Angiolino

a mio avviso sono poesie delicate che mostrano un animo gentile ...un omone con un cuore dolce...pubblicarle sul sito era un regalo per lui ma forse lo è per tutti coloro che sanno apprezzare la "musica" delle parole...

Sono un paragrafo. Clicca qui per aggiungere o modificare un testo. Qui puoi raccontare ai tuoi visitatori chi sei e qual’è la tua storia.
Sono un paragrafo. Clicca qui per aggiungere o modificare un testo. Qui puoi raccontare ai tuoi visitatori chi sei e qual’è la tua storia.
Sono un paragrafo. Clicca qui per aggiungere o modificare un testo. Qui puoi raccontare ai tuoi visitatori chi sei e qual’è la tua storia.